Se decide il Tribunale, la Scuola è quella Pubblica e Incontro con dott. Sala - Associazione Mariapaola Albertario

Cerca
Meteo Milano
Vai ai contenuti

Menu principale:

Se decide il Tribunale, la Scuola è quella Pubblica e Incontro con dott. Sala

Files News > File News 2015-2016

Gent.mi tutti,
nei giorni scorsi c'è stato un gran parlare in merito ad una sentenza del Tribunale di Milano.
Sentenza firmata dal giudice Gloria Servetti della nona Sezione civile, conclude che "non si possa affatto dire che la scuola privata risponda ‘al preminente interesse del minore’, poiché vorrebbe dire che le istituzioni di carattere privato sono migliori di quelle pubbliche". Pertanto, conclude il giudice, "la decisione dell'Ufficio giudiziario non può che essere a favore dell'istruzione pubblica". Perfetto. Dell’Istruzione pubblica,paritaria o statale aggiungo.
Non si sono fatti attendere i commenti dei pro e dei contro, e soprattutto di chi sembrava aver guadagnato un punto contro la scuola privata, quella dei ricchi per i ricchi o di chi ha gridato allo scandalo dell’ennesimo attacco alla scuola paritaria. Eppure la verità è tale se ci rende liberi perché il rischio latente dell’autodifesa e dell’offesa ci rende schiavi delle nostre stesse idee che da buone diventano ideologiche. E l’ideologia non è mai un bene.
Tribunale Milano, sez. IX, decreto 4 febbraio 2015 (Pres., est. Gloria Servetti) Esercizio della responsabilità genitoriale – Iscrizione scolastica dei figli – Conflitto genitoriale – Scuola pubblica / scuola privata – decisione del Tribunale – Criterio oggettivo – Favor per la scuola pubblica (clicca qui per il testo
)
Sono, così, a condividere quanto mi pare emerga da una lettura tecnico-giuridica del decreto.
01 Aprile 2015 da Tecnica della Scuola, Scuola pubblica o privata? Lettura giuridica della sentenza del tribunale di Milano, Se per “istituto scolastico privato” si intende la scuola frequentata dalla bambina in questione, estranea al servizio Nazionale di Istruzione italiano, l’accordo è completo. Sembrerebbe mancanza di finezza nei confronti dell’Estensore del decreto quando si chiarifichi che gli istituti scolastici pubblici paritari (ex L. 62/2000) sono assolutamente altro dagli Istituti scolastici “privati”, con le caratteristiche di “scuole speciali”, rivolte ad affrontare situazioni di disagio e non istituti di completa educazione scolastica al pari delle scuole pubbliche statali. Le scuole pubbliche paritarie (impropriamente definite “private” tout court; lo sono nella gestione, ma non nella funzione pubblica) sono totalmente altro dal tipo di scuola frequentato dalla bambina fino allo scorso anno scolastico; (
clicca qui per leggere).

Ripresa anche da Orizzonte Scuola, Chi decide quale scuola deve frequentare figlio di coppia divorziata. Il Giudice "la scuola pubblica". Statale o paritaria? Qui emerge il misunderstanding del giudicante laddove contrappone “paritarie private” con “pubbliche”: il legislatore ha previsto un sistema integrato della formazione scolastica pubblica tra a) soggetti statali, b) privati paritari e c) enti locali (cd. scuole civiche) che svolgono un servizio pubblico (clicca qui per leggere).

  • Dal Blog su Formiche.net, Sfatiamo le bugie sulla scuola paritaria, Duplice è la “lezione” (…pubblica!) di questo decreto: il diritto sempre prevale sulla deformazione ideologica; l’intelligenza in educazione va nutrita con gli strumenti adatti, nel caso di specie il costo standard di sostenibilità, che – solo – potrà consentire la libera scelta educativa nel pluralismo formativo della buona scuola pubblica, paritaria e statale. (clicca qui per leggere).

  • Da Non Profit, Se decide il Tribunale, la Scuola è quella Pubblica, Se il giudicante intende per istituzioni scolastiche pubbliche sia le scuole paritarie sia le scuole statali, egli è nel giusto. Il legislatore equipara a tutti gli effetti, con identità di funzione pubblica, la scuola statale a quella paritaria, tanto che all’art. 3 precisa che le scuole paritarie svolgono “un servizio pubblico” al pari di quelle statali. Il citato art. 1 della legge 62 del 2000 asserisce, in termini chiari ed univoci, che “il sistema nazionale di istruzione … è costituito dalle scuole statali e dalle scuole paritarie private e degli enti locali”. Sussiste una articolazione di soggetti paritari che costituisce il sistema scolastico pubblico italiano. (clicca qui per leggere)


Appare sempre più doveroso contribuire a rendere più giusta ed equa la nostra Società lanciando idee, proponendo soluzioni, e non smettendo di crederci. Pertanto come da nostra mail del 29.03.2016 in vista delle prossime elezioni del sindaco a Milano, noi 12 Associazioni - in modo congiunto - abbiamo chiesto di poter incontrare i candidati per porre alla loro attenzione i temi che da anni ci vedono impegnati, quali libertà di scelta educativa della famiglia, il pluralismo educativo, la discriminazione verso le famiglie in fase di scelta educativa e per poter così sapere direttamente da loro quale politica vorranno seguire con la loro Giunta, qualora vincessero le elezioni.
Mercoledì 30 Marzo 2016 dalle ore 17.30 alle ore 18.30 abbiamo incontrato il candidato sindaco dott. GIUSEPPE SALA e come promesso si riporta il resoconto a mezzo Comunicato Stampa ripreso da varie testate giornalistiche. (
clicca qui per le leggere il Comunicato Stampa)

  • 01 Aprile 2016 da Avvenire, Scuola. Sala: difendere il sistema delle paritarie della città (clicca qui per leggere)

  • 01 Aprile, 2016 da Formiche, Cosa chiedono le associazioni del settore scuola a Giuseppe Sala (clicca qui per leggere)


Ricordiamo che i prossimi incontri sono previsti per

  • Lunedì 04 Aprile 2016 dalle ore 12.00 alle ore 13.00 con il candidato sindaco dott. CORRADO PASSERA.

  • Mercoledì 13 Aprile 2016 dalle 17.30 alle ore 18.30 con il candidato sindaco dott. STEFANO PARISI.

E ve ne daremo conto affinché siano impegni verificabili in una costruttiva collaborazione fra Cittadini e Istituzioni

Un caro saluto. sr. Anna Monia

 
Torna ai contenuti | Torna al menu